Comitato Difesa Salute & Ambiente – Brescia

Archivio per la categoria ‘Notizie’

Discarica Castella 2 – Il Sindaco di Brescia chiede di discuterne in Provincia con i comuni proprietari di Garda Uno

Comunicato Co.Di.S.A.

sulla discarica “La Castella”

Richiesta tavolo provinciale con i comuni proprietari di Garda Uno

Apprendiamo con soddisfazione dall’assessore all’ambiente Miriam Cominelli che il comune di Brescia ha dato seguito alla nostra richiesta di aprire un tavolo di confronto presso la Provincia di Brescia per discutere con i comuni proprietari di Garda Uno la questione della discarica “La Castella” limitrofa al quartiere di Buffalora.

Infatti il Co.Di.S.A. dopo aver incontrato il comune di Rezzato, Castenedolo, Borgosatollo e raccogliendo il loro assenso alla costituzione del tavolo si è presentato ai vertici del capoluogo per richiedere di farsi carico di una richiesta ufficiale (lettera del 1/12/2018).

Ricordiamo che questa discarica autorizzata nei mesi scorsi dalla Provincia di Brescia prevede il sotterramento di quasi 1 milione di mc di rifiuti speciali. La discarica aggiunge molestie e insalubrità ai cittadini di questo territorio già molto provati dalle attuali criticità, limita l’espansione del Parco delle Cave e impedisce il progetto di ripristino a verde di un area post escavazioni.

Ricordiamo che il CODISA si è già fatto carico di percorrere la via giudiziaria costituendosi “ad adiuvandum” nel ricorso al TAR presentato dal comune di Rezzato.

Oltre alla via giudiziaria riteniamo comunque si debba percorrere sempre anche quella politica per analizzare e discutere soluzioni alternative alla realizzazione di questa discarica.

Auspichiamo un tavolo di concertazione dove la discussione politica tra gli enti vada nella direzione di trovare quell’equilibrio tra interessi economici e interessi della pubblica salute nel rispetto della preservazione dell’ambiente.

Chiediamo quindi ora al presidente della Provincia che si faccia sollecitamente carico di questa richiesta arrivata dal capoluogo, sollecitata dai cittadini e sostenuta dai comuni contermini interessati.

Il Presidente
Galeazzo Galeazzi

Coordinatore Sezione Buffalora
Francesco Venturini

Brescia, 21 gennaio 2019

Annunci

Il CODISA al TAR contro la discarica Castella…

Si comunica che la nostra Associazione Co.Di.S.A. ha ritenuto di opporsi, in sede giudiziale, all’autorizzazione rilasciata dalla Provincia di Brescia alla discarica La Castella Srl situata nel Comune di Rezzato adiacente al quartiere di Buffalora….qui il link al comunicato stampa…

Deliberata la Castella 2 dalla Provincia di Brescia ecco i termini

Ecco un esempio eclatante di come risollevare le proprie finanze da parte di una società pubblica (Garda Uno), scaricando rifiuti su altri territori dove non vi sono elettori e fare affari sulla pelle di quei cittadini.

Il BENE COMUNE ridotto al vizioso BENE del PROPRIO COMUNE!

Ecco la delibera e gli allegati tecnici

Castella2_ALLEGATO_TECNICO_LA_CASTELLA_AIA_B

Castella2_MEMDOC_CREAPDF_151962532630168712244541881825808

Castella2_P04__REV.03_-_PIANO_DI_FONDO_E_POSA_ARGILLA

Castella2_P10.A_REV.03_-_RIPRISTINO_AMBIENTALE

Castella2_TAV._A3_REV.03_-_PLANIMETRIA_GENERALE_AIA

Castella2_TAV.P07_REV.02_-_PIANO_POSA_RIFIUTI

Castella2_TAV.P08_REV.02-PIANO_GIACIMENTO_ESAURITO_ANTE_ASSESTAMENTI

Castella2_VIA72BS_RELAZIONE_ALLEGATO_A

6a Festa del Parco delle Cave di Brescia domenica 23 settembre 2018

Volantino VI festa parco delle cave

Discarica Castella….ancora il pensiero delle discariche come business…

In allegato il Comunicato Stampa di contrarietà alla realizzazione di questo Eco-Mostro…

 

Leggi qui il comunicato

FINALMENTE CI SIAMO…. a San Polo e Buffalora il grande Parco delle Cave, l’inaugurazione (con festa) sabato 28 aprile

….dopo oltre 10 anni di progettazione partecipata siamo arrivati alla festa di inaugurazione della prima area del Parco delle Cave di Brescia sarà il più grande d’Europa: il 28 aprile l’inaugurazione…a partire dalle 11, sarà inaugurato il Parco delle Cave con una grande festa, aperta a tutta la cittadinanza.

Ingressi per la festa: via Bettole, via Brocchi, via Canneto e via Cerca.
Tante le iniziative in programma:
– 10.00 Biciclettata con partenza Piazza Paolo VI
– 11.00 attività sportive per i bambini delle scuole della città
– 11.30 inaugurazione con interventi del Sindaco Emilio Del Bono e degli assessori
– 14.00-15.00: Hoochie Coochie duo Sergio Benzoni & Matteo Cervi (Brescia in blues)
– 15.30-16.30: Serena Coal
– 17.00-18.00: Enzo Paolo e i turchi
– 18:30-19:30: Jannacci duo
– DJset a cura di MusicalZoo Per l’intera giornata
LE ATTIVITA’:
– navigazione con dragonboat
– prove gratuite di canoe e kayak
– laboratori per bambini e attività di animazione
– laboratori costruzione aquiloni
– Stand informativi delle Associazioni aderenti alla Consulta per l’ambiente
– lezioni gratuite di nordicwalking e allenamenti running
– barche a vela radiocomandate
– STAND INFORMATIVI A cura della Associazioni presenti per illustrazione progetti GERT e Ortolibero
ANGOLO RISTORO:
– Stand enogastronomici con prodotti del territorio aderenti al progetto Eastlombardy
-Foodtruck
– spiaggia attrezzata con lettini e gazebo
– Bibliobus

Foto

L’AIB RINUNCIA AL FUTURO?

NO all’impegno sul RICICLO

SI al FAR WEST delle DISCARICHE

Apprendiamo con stupore il ricorso al TAR da parte dell’AIB contro la Legge regionale sul Fattore di Pressione, istituito dalla regione Lombardia per limitare la proliferazione di discariche su quei territori ormai martoriati da decenni e dove le persone subiscono gravi penalità sulla qualità della loro vita.

Oltre al nostro quartiere di Buffalora in Brescia, in cui lottiamo per liberarci dalle mega discariche e molestie olfattive di bitumifici e impianti di trattamento rifiuti, ricordiamo anche il caso eclatante di Montichiari-Vighizzolo.

Ma ricordiamo anche Rezzato, Castenedolo, Castrezzato, Calcinato, Castenedolo, Ghedi, Bedizzole e Mazzano che con questa legge regionale potrebbero risparmiarsi qualche impianto.

Per noi il Fattore di Pressione è da migliorare in senso protettivo verso la popolazione, per l’AIB è da estirpare alla radice.

Dopo le iniziative positive sull’aria degli anni scorsi, non si capisce questo cambio di rotta.

Se le nostre siderurgie possono essere considerate macchine del riciclo incomplete, perché non completarle perfezionando il processo fino a produrre una scoria in grado di essere riciclata?

Gli esperimenti fin qui fatti sono stati ostacolati da una legislazione inadeguata, che attualmente non è in grado di accompagnare la transizione, perché non è chiara e non mette a fuoco questo tipo di problema.

Ma E’ IL RICICLO IL FUTURO NON LE DISCARICHE!

Il FATTORE di PRESSIONE è un grande passo in avanti perché per la prima volta si PONE IL LIMITE al PRINCIPIO di PROSSIMITÀ, per cui dove c’è una discarica, o un a fabbrica se ne può fare un’altra ALL’INFINITO perché è motivo preferenziale.

Questo ha creato il DISASTRO di intere aree BRESCIANE che tra industrie, cave e discariche oggi hanno gli inquinanti ai massimi livelli, nel suolo, nell’aria e nell’acqua.

Dopo il lavoro fatto per la riduzione delle Diossine e pcb ai camini, dagli industriali bresciani non ci aspettavamo affermassero tramite il loro avvocato, che quella regola non ha senso perchè non è certo che un “diradamento” delle discariche possa portare ad una tutela della salute delle persone. Noi di contro, siamo fortemente convinti (per il solo buon senso) che una loro concentrazione (impianti inclusi) sia CERTAMENTE deleteria per la cittadinanza.

Dai nostri imprenditori ci aspettiamo altro e di molto diverso come ad esempio istituire un consorzio per la ricerca e sviluppo del riciclo dei rifiuti e per dirla in una frase:

ci aspettiamo le FABBRICHE DEL RICICLO!